L’apprendimento osservativo di Bandura

children-808660_1920

Bandura è uno psicologo Canadese, famoso per la sua teoria sull’apprendimento sociale.

Per Bandura l’apprendimento non avverebbe solamente con il contatto diretto con oggetti, ma anche indirettamente attraverso l’osservazione di altre persone.

In un famoso esperimento Bandura, mostrò a dei bambini dei filmati in cui un adulto agiva su una bambola di gomma colpendola ripetutamente.

Dopo che i bambini osservavano queste scene, venivano messi in una stanza a contatto con altri giocattoli (tra cui delle bambole) e questi bambini a differenza di quelli che non avevano assistito al film, mostravano comportamenti violenti, simili a quelli del filmato.

In una successiva ricerca, Bandura allestì un esperimento in cui tre gruppi di bambini osservavano tre modelli operanti in diverse situazioni.

Nella prima situazione, osservavano un modello aggressivo, che veniva ricompensato, nella seconda situazione, un modello aggressivo che veniva punito, nella terza situazione, un modello che non veniva né premiato né punito, ad un quarto gruppo, non vennero mostrati modelli di comportamento.

Come Bandura aveva ipotizzato, il modello ricompensato venne emulato in maggior misura. Successivamente all’esperimento, ai bambini fu chiesto, quale comportamento avrebbero voluto imitare e quasi tutti indicarono quello aggressivo, malgrado lo descrivessero in modo fortemente negativo.

Questo dimostrava quanto le risposte dei bambini erano determinate non dal modello in se stesso, ma dai risultati ottenuti da quel determinato comportamento.

Quando però il comportamento aggressivo veniva punito, i bambini tendevano molto di meno ad imitare il modello aggressivo.

Bandura differenziò tra apprendimento vero e proprio ed esecuzione di risposte, quando ai bambini fu chiesto un commento sul comportamento aggressivo che veniva punito, essi furono capaci con estrema precisione di descrivere i comportamenti aggressivi; quindi i bambini avevano appreso l’equivalente del comportamento senza però esprimerlo motoriamente.

Per Bandura potevamo definire questo comportamento come “apprendimento attraverso l’identificazione”, secondo questo modello i bambini imparano ad emulare i modelli (modelling), su come comportarsi in certe situazioni, il modellamento di Bandura ha influenzato anche Bandler e Grinder i fondatori della PNL.

Bandura rivide anche la teoria psicanalitica denominata “identificazione con l’aggressore”, in quanto può essere spiegata come un apprendimento discriminativo, difatti, in molte culture, svariati genitori puniscono l’aggressività quando è rivolta verso di loro, ma incoraggiano quella rivolta verso gli estranei, oltretutto per un bambino il genitore è un modello di successo, appare chiaro come in tale condizioni possa essere fonte di abiti aggressivi.

A volte però esiste anche un modello negativo, ovverosia la persona prende come fonte un modello sul come non comportarsi, questo succede quando quella persona o i suoi comportamenti vengono giudicati negativamente, per esempio: “Il figlio che non stima il padre e vorrebbe diventare completamente diverso da lui”.

Bibliografia

Canestrari R. Godino A. “La psicologia scientifica Nuovo trattato di psicologia” Clueb Economica. 2007. pag. 250. 2007.

 

 

Facebook Comments
Facebookgoogle_pluslinkedin